Cabina armadio in camera: come ricavare lo spazio

La cabina armadio in camera da letto è il sogno di ogni donna. Una stanza nella stanza, interamente ed esclusivamente dedicata al guardaroba per poter scegliere con un colpo d’occhio l’outfit del giorno o della serata e soprattutto avere tutto l’abbigliamento sotto’occhio. Non c’è nulla di meglio. Il problema è che spesso si pensa che la camera da letto non sia abbastanza ampia da poter accogliere la cabina armadio. In realtà ci sono innumerevoli soluzioni che possono essere un compromesso tra cabina armadio e armadio per rendere questo sogno realtà. Vediamo quindi assieme come ricavare una cabina armadio in camera da letto.

Le dimensioni della cabina armadio

Misure Cabina ArmadioPer realizzare una cabina armadio in camera da letto abbiamo bisogno di alcune dimensioni minime. Se partiamo dalla cabina armadio essa deve essere di almeno 2,5 mq per risultare funzionale e soprattutto facilmente fruibile. In generale la profondità minima della cabina deve essere di 120 cm, considerando che la profondità standard dei ripiani e degli accessori è di norma 60 cm. Lasciare almeno 60 cm per il passaggio garantisce un’ottima fruibilità. Per quanto riguarda invece la lunghezza varia un po’ dalle esigenze e dalla quantità di abbigliamento che si possiede. È scontato dire che di norma le donne hanno bisogno di più spazio. Diciamo che la larghezza minima di una cabina armadio non può scendere sotto i 210 cm

Se quindi le dimensioni minime per una cabina armadio sono 120 cm x 210 cm, la camera da letto deve avere almeno una dimensione totale, quindi comprensiva di cabina armadio, di almeno 300 cm di larghezza e 400 cm di lunghezza. In questo modo attorno al letto restano almeno 60 cm per il passaggio. La camera sarà composta solo da letto matrimoniale, comodini e cabina armadio, perché non resta spazio né per eventuale comò né per uno scrittoio.

Cabina armadio in cartongesso

Se la prova misure è stata superata possiamo iniziare a pensare a come dividere la nostra camera dalla zona armadio. La soluzione senza dubbio più semplice è quella di realizzare un divisorio in cartongesso, che risulta il materiale più economico e meno invasivo se confrontato con un intervento di muratura vero e proprio. Anche rispetto ad una divisione in vetro è senza dubbio una soluzione più economica. Affidandosi ad un professionista è possibile realizzare una divisione che sembra in tutto e per tutto una parete divisoria. Se a questa parete va accostato il letto bisogna predisporre gli interruttori e le prese elettriche per i comodini.

Porte scorrevoli per dividere camera e cabina armadio

Se non si desidera fare interventi di muratura possiamo affidare la divisione delle due stanze ad una soluzione diversa. Esistono in commercio delle ante scorrevoli che diventano dei veri e propri separé. Sono ancorati a soffitto e a pavimento con dei binari che permettono alle porte di scorrere. In questo modo la cabina armadio può rimanere a vista quando dobbiamo invitare degli ospiti, ma quando siamo di fretta e l’ordine non è assicurato possiamo chiudere le porte e il gioco è fatto. Il materiale delle porte scorrevoli può essere in laminato alleggerito oppure in vetro, sia trasparente, che satinato o fumé. Tutto dipende dall’arredo della stanza e da cosa ci può stare meglio. Se lo stile della stanza da letto è moderno e minimale la scelta del vetro, magari con una finitura particolare, è la scelta migliore. Se invece la camera da letto è in stile classico giocare con delle ante che imitano il legno e che, una volta chiuse, sembrano una boiserie è senza dubbio la scelta vincente. Il vetro trasparente è invece una scelta di stile per chi desidera dividere gli spazi, ma lasciarli uniti dal punto di vista ottico e soprattutto permettere il passaggio della luca da una stanza all’altra.

Una soluzione davvero ottima che non richiede nessun tipo di intervento di muratura e ha dei costi davvero contenuti è quella di utilizzare, per dividere gli ambienti, una tenda che parte da soffitto e arriva a terra. Può essere una buona soluzione per chi possiede un budget ridotto e non vuole rinunciare alla cabina armadio. Non occorre che la tenda percorra tutta la stanza in larghezza, può anche essere posizionata ad esempio solo dietro il letto per dare un’idea maggiore di leggerezza. La fantasia e la tinta della tenda devono essere scelte in maniera accurata per non creare un effetto kitsch.

Camera da letto con cabina armadio lineare

Il modo più semplice per ricavare una cabina armadio è quello di realizzarla lineare. Basta realizzare una tramezza e lasciare lo spazio per una porta scorrevole o battente di almeno 70 cm e il gioco è fatto. A seconda della larghezza della stanza che si viene così a creare si può decidere di attrezzare la cabina armadio solo su un lato, oppure attrezzarla ad elle. In ogni caso è bene studiare nei particolari l’attrezzatura che si desidera inserire nel guardaroba per renderlo davvero funzionale. Non scordate quindi di predisporre ripiani, cassettiere e tubi appendiabiti. Esistono poi accessori più avanzati come i portapantaloni estraibili, il servetto appendiabiti oppure ceste e cassetti con frontale in vetro estraibili . La possibilità di personalizzare una cabina armadio è davvero molto ampia.

Cabina armadio dietro letto matrimoniale

Quando la camera da letto possiede molte apertura, ossia porte e finestre, può risultare utile creare una parete divisoria dove posizionare il letto. Come abbiamo visto nell’articolo il mese scorso, in queste circostanze possiamo anche posizionare il letto in centro stanza, ma se le dimensioni lo permettono, ricavare la cabina armadio è senza dubbio la soluzione migliore. Se alla parete deve essere poggiato il letto con i comodini essa deve avere una larghezza di almeno 260 cm, considerano 180 cm per il letto matrimoniale e 40 cm per i comodini. Se possedete già il letto e i comodini è cosa buona valutare prima l’ingombro degli stessi per non rischiare di realizzare una parete troppo piccola. Anche in questo caso è bene ricordarsi di prevedere l’interruttore della luce e delle prese elettriche sulla tramezza.

Camera da letto con cabina armadio e bagno

Quando la camera da letto ha una metratura importante possiamo valutare di ricavare all’interno della camera da letto due ambienti distinti, uno riservato alla cabina armadio e l’altro al bagno. Avere un bagno direttamente in camera è senza dubbio molto comodo, ma bisogna fare i conti con gli attacchi dell’acqua e gli scarichi. Questa soluzione viene di solito adottata inglobando una stanza nella camera da letto. Se ad esempio accanto alla camera c’è un ripostiglio lo possiamo unire alla camera praticando un’apertura. Le soluzioni per ricavare sia bagno che armadio sono diverse. La più classica è quella di dividere la stanza in due e creare da un lato la cabina e dall’altro i servizi. Esistono poi soluzioni più fantasiose, dove la cabina armadio viene messa tra camera e bagno, così per accedere al bagno bisogna passare dalla cabina armadio. Può sembrare una soluzione poco funzionale, ma permette di avere due stanze in una.

Camera da letto con cabina armadio angolare

Nelle camere da letto che presentano due aperture sulle pareti opposte può risultare difficile pensare a come ricavare la cabina armadio. La soluzione sta nello sfruttare l’angolo creando un armadio ad elle. La posizione del letto può essere in questo caso sulla parete stessa che delimita la cabina armadio oppure sul lato opposto. Se lo posizioniamo sul lato opposto dobbiamo comunque posizionarlo a 45° creando quindi un mobile contenitivo alle spalle del letto per non rischiare di perdere tutto lo spazio.

Cabina armadio su misura  

Quando si ricava una cabina armadio all’interno di una stanza è difficile che possa avere dimensioni standard. Di conseguenza è spesso difficile arredarla sfruttando al massimo lo spazio a disposizione. Per farlo si può ricorrere alle aziende che realizzano arredamento a misura, come Scandola Mobili. Partendo dai moduli standard è infatti possibile realizzare composizioni a misura andando a ridurre o allargare i moduli, ridurli in profondità o renderli più profondi, più alti o più bassi. Solo aziende abituate ad eseguire queste operazioni possono garantirvi un buon rapporto qualità/prezzo. 

Il compromesso: l’armadio a giorno

Se dopo aver letto tutte le possibili soluzioni esposte avete capito che la cabina armadio resterà solo un sogno, non rassegnatevi! Esiste una soluzione di compromesso. Si tratta dell’armadio a giorno. Stiamo parlando di un vero e proprio armadio realizzato senza ante che lascia quindi gli abiti esposti come se fosse una cabina armadio. L’ingombro dell’armadio a giorno è uguale a quello di un guardaroba classico, quindi non necessita di più spazio e può tranquillamente essere inserito in tutte le camere da letto. L’unica cosa è che in questo caso l’armadio deve essere mantenuto sempre in perfetto ordine. La possibilità di personalizzare questa soluzione è davvero ampia, perché trattandosi in tutto e per tutto di un armadio possiamo affiancarlo a moduli armadio chiusi, alternando così dei vani aperti e dei vani chiusi. È una soluzione particolare e proprio per questo assolutamente originale.

Illuminare la cabina armadio

Di grande attualità l’atmosfera creata con giochi di strisce led che rendono facile la scelta del tuo miglior outfit. Una cabina armadio ben illuminata è senza dubbio indispensabile. L’ideale è scegliere una luce calda, quindi attorno ai 2.700 K, e diffusa. Possiamo posizionare l’illuminazione a soffitto con almeno due punti luce. L’ideale è scegliere dei faretti che possono essere direzionati in base alle esigenze. A completare l’illuminazione non possono mancare le luci all’interno dei moduli. La scelta di dove posizionare l’illuminazione va a gusto personale, la si può posizionare sui ripiani oppure sui fianchi in senso verticale. Per chi desidera un effetto più scenico si possono scegliere luci a sfioro o sensor per una comodità di utilizzo.

Ampio risalto alla zona specchi che non può mancare all’interno della cabina armadio. L’illuminazione di questa zona va fatta con attenzione per non rischiare di alterare artificialmente la cromaticità degli indumenti che si abbinano. In linea generale le dimensioni dello specchio deve essere di minimo 180 cm di altezza e 60 cm di larghezza, ma più grande più facile sarà specchiarsi!

Abbiamo raccolto diversi spunti e idee per guidarvi nella progettazione e realizzazione della cabina armadio in camera da letto. Se avete domande o dubbi non esitate a contattarci.


Scritto da:

Stefano esperto tecnico

Stefano – Technical Expert

 

 

Share
Tags: