Cambio stagione armadio: come affrontarlo al meglio

Due volte all’anno arriva inesorabilmente il fatidico momento di dover fare il cambio stagione armadio. È un’attività che i più considerano noiosa e che porta via un sacco di tempo. In realtà, se organizzato a dovere ci si mette veramente poco a farlo. Se non siamo abituati a tenere in ordine l’armadio il primo anno avremo necessità di un po’ più di tempo per svolgere questa attività, ma già dalla seconda volta potrete assaporare la bellezza di fare il cambio stagione senza stress.

Quando fare il cambio armadio

Essendo un lavoro poco amato si tende di solito a posticipare il più possibile il cambio stagione armadio, ma si rischia di farsi cogliere alla sprovvista dal primo freddo o il primo caldo. È bene quindi prefissarsi un giorno e non continuare a procrastinare. Il periodo migliore per fare il cambio di stagione dell’armadio per la bella stagione è verso fine marzo mentre per l’inverno è meglio prepararsi entro al massimo metà ottobre. In ogni caso dipende tutto da dove viviamo. Se ad esempio siamo in  montagna i periodi vanno leggermente adattati, quindi il cambio armadio primaverile si sposterà verso la fine di aprile, mentre per l’inverno è meglio iniziare a pensarci già a settembre.

Come fare il cambio stagione dell’armadio: 4 semplici step da seguire

Come fare il cambio stagionePer un cambio stagione dell’armadio veloce ed efficace basta seguire questi semplici step:

  1. Svuotare l’armadio
  2. Pulire l’interno dell’armadio
  3. Riporre gli indumenti della stagione corrente nell’armadio
  4. Riordinare i vestiti della stagione passata

La prassi comune prevede come prima cosa quella di svuotare l’armadio e riporre tutti gli indumenti sul letto. Personalmente trovo che questa pratica non faccia altro che alimentare lo stress. Vedersi una catasta di indumenti sul letto, seppur riposti in modo ordinato, da dover sistemare fanno scattare il panico anche alla persona più calma al mondo. Inoltre molti indumenti che abbiamo nell’armadio non hanno stagionalità e li possiamo usare tanto in inverno quanto in estate e nelle mezze stagioni.

La pratica che io utilizzo e che considero davvero comoda è quella di svuotare un ripiano per volta. In questo modo posso facilmente dividere gli indumenti che intendo riporre per l’anno futuro e quelli che invece possono andare bene anche per la stagione che sta arrivando. Naturalmente, mano a mano che svuoto l’armadio procedo con la pulizia. Utilizzo un detergente neutro naturale per evitare che si rovini il legno del mio armadio, ma soprattutto per evitare che tracce di detersivo si depositino sugli abiti rovinandoli. Nel mio modo di fare il cambio stagione quindi i punti 1 e 2 vanno di pari passo.

Organizzare l'armadio per il cambio stagione

Il momento del cambio stagione è il periodo migliore per fare decluttering, ossia eliminare gli indumenti che non utilizziamo più. Io utilizzo una regola semplicissima: se quella maglietta o quella gonna non l’ho indossata per tutta l’estate la elimino. Se l’abbigliamento è usurato e non riutilizzabile lo butto, altrimenti lo regalo ad enti benefici che li danno a persone più bisognose. Negli ultimi tempi va tanto di moda fare anche swap party ossia ritrovarsi con altri amici e barattare i vestiti usati. Una forma originale di economia circolare!

Ora non resta che sistemare gli indumenti dell’estate in modo ordinato per la prossima stagione. Inutile dire che gli indumenti devono essere tutti perfettamente puliti e stirati per evitare di dover fare lavoro doppio l’anno prossimo. Chi ama le scatole può riporre gli indumenti in scatole catalogando i diversi tipi di indumenti. Per me questo rimane un sogno e mi limito a spostare gli indumenti nei ripiani più alti dell’armadio.

Il momento del cambio stagione dell’armadio amo anche rinnovare i profumatori nell’armadio, quindi inserisco nuovi sacchettini di fiori secchi, lavanda o cannella a seconda della fragranza che preferisco.

Cambio stagione per i bambini

Cambio stagione nelle cameretteIl cambio stagione nell’armadio dei più piccoli può essere svolto come per gli adulti, ma è fondamentale considerare una cosa: l’anno prossimo molti dei vestiti che mettiamo via non andranno più bene ai nostri figli. Il mio consiglio è quindi quello di dividere gli indumenti in scatole: da una parte gli indumenti che vanno giusti ai nostri figli e in un’altra quelli che sono attualmente un po’ grandini e che prevediamo possano andare loro bene anche l’anno prossimo. In questo modo fare il cambio stagione l’anno prossimo sarà davvero semplice e potremo conservare senza problemi gli indumenti piccoli per un fratellino o una sorellina più piccoli o regalarli ad amici e parenti.

Consigli per progettare un armadio a prova di cambio stagione

Progettare l'armadio per il cambio stagioneSe stiamo progettando un armadio possiamo prenderci del tempo per pensare anche a come progettarlo per facilitare il cambio stagione. La cosa più facile da fare è quella di sfruttare lo spazio in altezza. Quindi progettiamo un armadio alto, anche oltre i 2,50 metri, in modo da avere spazio in alto dove riporre il cambio stagione. Per questo basteranno solo dei ripiani. Per i cappotti e le giacche è bene prevedere una colonna armadio con un tubo appendiabiti alto che permetta di riporli sia quando in uso che durante la primavera e l’estate. Un tempo esistevano gli armadi chiamati stagionali, quindi con le ante divise a metà in altezza. Sono una soluzione davvero ottima perché si evita di aprire tutte le volte anche il vano superiore impedendo così alla polvere di depositarsi sui vestiti. In questo caso quindi si può fare a meno di utilizzare le scatole per riporre gli indumenti non in uso.

Se non abbiamo lo spazio in altezza possiamo sfruttare la profondità. Possiamo progettare un armadio più profondo dello standard dove il cambio stagione sarà riposto alle spalle degli indumenti che utilizziamo correntemente. È forse una soluzione più scomoda, ma ci permette di avere sempre a portata di mano anche gli indumenti della stagione calda, quindi se per caso capita un caldo improvviso siamo pronti a correre al riparo.

Se la nostra camera da letto è bassa e poco spaziosa non ci resta che sfruttare lo spazio sotto il letto. Il letto con contenitore è un ottimo alleato per riporre il cambio stagione in comode scatole. Abbiamo scritto un intero articolo per descrivere i vantaggi del letto con contenitore.

Dopo la lettura di questo articolo il cambio stagione non dovrebbe più sembrare così un’impresa impossibile.


Scritto da:

Elena Kids bedroom specialist

Elena – Kids Bedroom Specialist

 

 

Share
Tags: