Come progettare una libreria

La libreria è un elemento essenziale per ogni abitazione. È sicuramente utile per riporre i libri, ma è anche un ottimo elemento d’arredo che contribuisce a rendere accogliente la nostra abitazione. Ma come progettare una libreria davvero funzionale? Abbiamo raccolto diversi suggerimenti per guidarvi nella progettazione e realizzazione di una libreria.

 

Dove posizionare la libreria

La libreria è un mobile davvero versatile che si adatta a diversi ambienti della casa. Può essere posizionata in soggiorno, in cameretta o in camera da letto. Può essere utilizzata come parete divisoria tra due ambienti, creando quindi una libreria parete che non porta via luce ai due ambienti adiacenti. Può essere progettata una libreria a misura da posizionare nel sottoscala, diventando quindi un elemento d’arredo che va a sfruttare spazio altrimenti difficile da utilizzare. La libreria aiuta a sfruttare lo spazio in verticale e si progetta di solito che va fino a soffitto. Possono essere utilizzate anche per sfruttare lo spazio al di sopra della porta, creando quindi una libreria a ponte. Insomma il mobile libreria si adatta a diversi posizionamenti. Una volta scelto il posto ideale possiamo vedere come fare una libreria.

Libreria per zona notte

In camera o nelle camerette è facile realizzare una libreria. Spesso basta posizionare delle mensole che fungono appunto da porta libri. Nella camera matrimoniale la libreria può essere ricavata tra due armadi. In questo modo si spezza la continuità dell’armadio alleggerendolo, e allo stesso tempo si va a creare un comodo vano dove riporre libri e soprammobili. Se la camera è nel sottotetto possono essere posizionate delle mensole dietro al letto da utilizzare sia come comodino che come libreria.

La libreria in cameretta

Nelle camerette per bambini la libreria non può mancare. Di solito è associata alla scrivania. La conformazione più classica è quella di una libreria a ponte che corre sopra lo scrittorio. Altre volte si preferisce utilizzare semplicemente delle mensole da posizionare sopra uno scrittoio freestanding oppure possono essere ricavate delle grandi libreria accanto all’armadio. Questa è sicuramente la soluzione che ha una capienza maggiore tra tutte quelle descritte.

Le misure della libreria

Le librerie sono di solito componibili e non hanno quindi dimensioni standard. Possiamo però fornire alcune linee guida per orientarci in fase di progettazione. Le scaffalature hanno di solito una profondità attorno ai 30 cm. È infatti inutile scegliere un mobile più profondo perché resterebbe molto spazio dietro ai libri inutilizzato. Per quanto riguarda l’altezza esistono diversi moduli. Ci sono librerie con altezza di un metro fino a librerie che vanno a soffitto, quindi alte 2,50 metri fino a 3 metri. La larghezza naturalmente va scelta in base allo spazio disponibile. Per creare un effetto movimentato possono essere mescolati vani più larghi e vani più stretti o di diversa altezza.

Se avete molto spazio a disposizione la cosa migliore per scegliere le dimensioni della libreria è quella di calcolare lo spazio che effettivamente vi serve per i libri e gli oggetti che desiderate riporvi. Metteteli in fila e calcolate i metri lineari che occupano. Considerando che i ripiani vengono distanziati di 30 cm uno dall’altro è facile progettare la libreria ideale. Facciamo un esempio: tutti i libri che voglio riporre misurano 3 metri lineari. Possiamo progettare una libreria larga 100 cm e alta 90 cm con tre ripiani, oppure una colonna libreria alta 150 cm e larga 60 cm. Il mio consiglio è comunque quello di calcolare sempre dello spazio in più per prevedere eventuali nuovi acquisti.

Esempio di componibilità in altezzaEsempio componibilità in larghezza

I materiali della libreria

I materiali con cui costruire una libreria sono innumerevoli. Si passa dal legno, al laminato al ferro. Ogni tipo di materiale ha le sue caratteristiche specifiche e si adatta a differenti ambienti della casa. Scandola Mobili produce librerie in legno che ben si adattano a tutte le stanze della casa. Basta infatti scegliere la giusta finitura e la stessa libreria può andare bene in soggiorno o in cameretta. Molto di moda negli ultimi tempi sono le librerie in ferro e legno. Ci sono alcuni modelli che hanno i montanti in ferro e i ripiani in legno. Una libreria in legno naturale è senza dubbio la scelta migliore sia dal punto di vista estetico che dal punto di vista di robustezza. Un ripiano in legno spessore 3 cm ha una portata sicuramente superiore rispetto ad un ripiano in laminato.

Tipi di libreria

Abbiamo visto che la libreria è un mobile davvero versatile perché si adatta a tutte le stanze della casa, ma anche perché permette una vasta possibilità di personalizzazione. Accanto alla libreria classica con ripiani, possiamo progettare una libreria con vani a giorno e ante o con comodi cassetti e cestoni. In questo modo diventa un arredo utile sia per contenere i libri, ma anche per contenere altri oggetti. Vediamo quindi i principali tipi di libreria che si possono progettare.

Librerie a muro in legno

La libreria a muro in legno è la classica libreria. Accostata a muro, può avere o no la schiena. È la soluzione più classica e semplice da realizzare. Anche in questo caso possiamo alternare i vani a giorno con delle ante o dei cassetti e cestoni. Di solito gli elementi chiusi vengono messi a terra e lasciati invece a giorni i vani superiori. 

Un diverso impiego della libreria a muro è quella di utilizzarla come vero e proprio muro, quindi impiegarla per separare due ambienti. È un’ottima soluzione per creare un separé che però non porta via luce agli ambienti, ma allo stesso tempo crea una divisione ottica. Può ad esempio essere utilizzata in un open space per separare la zona giorno dalla cucina, oppure nelle abitazioni anni ’70 dove non era presente una distinzione tra ingresso e zona giorno può essere impiegata per dividere i due ambienti. In tutti questi casi la libreria è bifacciale, quindi può essere fatta leggermente più profonda di 30 cm ed essere utilizzata con scopi diversi. Ad esempio verso la zona giorno come vera e propria libreria, mentre dalla parte del soggiorno può essere utilizzata per riporre piante o oggetti d’arredo.

Libreria sospesa

Le librerie classiche sono di solito delle colonne che poggiano a terra e si innalzano verso il soffitto. Non avete mai pensato di pensato di progettare una libreria sospesa? È un tipo di arredamento di design che si adatta alla case in stile contemporaneo. 

La libreria sospesa crea un senso di leggerezza e l’ambiente sembra così più arioso. Scandola Mobili nelle nuove proposte di living Maestrale ha realizzato una libreria sospesa dai toni scuri. È bella a mio parere l’idea di intervallare i vani aperti da quelli chiusi contrastanti con il colore laccato.

Libreria a misura

Come abbiamo visto, la libreria può tornare davvero utile per occupare quegli spazi che altrimenti andrebbero persi. Allora lasciamo libero spaio alla fantasia per arredare con una libreria a misura il sottoscala, una nicchia o lo spazio al di sopra della porta. Per progettare una libreria su misura vi consigliamo di rivolgervi ad un professionista che possa consigliarvi al meglio sulle soluzioni migliori in termini di costo e funzionalità.

Libreria con vano tv

Perché non fondere la libreria con il mobile del soggiorno? È questa un’idea molto utilizzata da chi non possiede una parete libera da dedicare interamente alla libreria. Esistono diverse soluzioni per associare le due funzioni. Possiamo realizzare una libreria a ponte che abbraccia tutto il vano televisione, oppure possiamo posizionare delle colonne a lato, magari chiuse con ante in vetro in modo da lasciare intravedere i libri al suo interno. La modularità delle librerie di Scandola è davvero ampia e permette di realizzare i sogni id ognuno.

Scrivania con libreria a ponte

Nelle camerette la libreria è di solito associata alla scrivania. Perché allora non realizzare una libreria a ponte con la scrivania sotto? Possiamo quindi progettare una libreria composta da due colonne, una scrivania e dei moduli al di sopra della scrivania. Questa è la configurazione minima ma possiamo sbizzarrirci associando una libreria a terra con una colonna e dall’altra parte lasciarla sospesa. Possiamo associare ai vani a giorno dove riporre i libri dei vani chiusi dove riporre altri oggetti. E naturalmente non scordatevi di giocare con i colori: nella cameretta possiamo osare con qualche accostamento e con qualche accenno di colore più acceso.

Progettare una libreria richiede quindi attenzione: oltre al materiale è bene scegliere con cura il colore e le dimensioni per andare ad armonizzarla con il resto della casa.


Scritto da:

Esperto su misura Mirio

Mirio – Custom-Made Specialist

 

 

Share
Tags: