Scegliere comò e comodini

Come scegliere il gruppo notte: comò e comodini

Oltre al letto e all’armadio il comò e il comodino sono gli altri protagonisti della camera da letto matrimoniale. Questi mobiletti sono complementi molto importanti per estetica e funzionalità, vengono chiamati in gergo da arredatori “gruppo notte” e idealmente vanno studiati ben coordinati tra loro per dare uno stile peculiare all’arredamento della stanza.

Già nell’antichità venivano utilizzati dei mobiletti per assolvere alle necessità di contenimento e di praticità, tipici proprio dei complementi notte. In anni più moderni l’utilizzo di comò e comodini nelle camere da letto è diventato imprescindibile e hanno avuto un ampio sviluppo. Infatti, un tempo il gruppo notte veniva considerato a sé stante e anche il suo stile si slegava dal resto dell’arredamento. Insomma, si guardava più alla sua funzione che all’aspetto puramente estetico. Negli ultimi anni è invece compresa la necessità di realizzare anche questi preziosissimi arredi in stile con l’armadio e il letto per creare un’atmosfera armoniosa nella camera da letto.

Quindi dopo aver letto la nostra guida su come scegliere il letto e su come progettare l’armadio non resta che scegliere nel modo giusto il comò e i comodini che accompagnano il letto matrimoniale.

Le dimensioni di questi mobili

L’aspetto principale per effettuare una scelta è conoscere le dimensioni della stanza e degli spazi che restano liberi dopo aver inserito il letto e l’armadio. Il primo elemento da inserire è senza dubbio il letto, l’elemento principale della camera da letto. Poi è essenziale lasciare il giusto spazio per l’armadio, se non si ha la fortuna di possedere una cabina armadio. Infine, in base allo spazio rimasto vanno scelti con cura comò e comodini.

Le dimensioni del comò

Come scegliere le dimensioni del comòIl comò, chiamato anche cassettone, ha di solito uno sviluppo orizzontale. Le dimensioni sono molte e variano dal tipo di modello scelto. Si passa dalle versioni più compatte che hanno una larghezza di poco superiore al metro fino alle versioni più grandi che misurano fino a 130 cm. Anche l’altezza varia molto a seconda dei modelli scelti e dal numero di cassetti presenti. In generale l’altezza non supera il metro. Un aspetto molto importante è la profondità: di norma i cassettoni sono profondi 50 cm, ma si possono trovare anche versioni più economiche con profondità ridotte. È comunque importante prestare attenzione alla profondità per evitare che i cassetti risultino poco capienti e quindi scomodi da utilizzare.

Per scegliere la giusta dimensione del comò in base allo spazio che avete a disposizione misurate la parete e calcolate dai 50 cm in su di spazio da lasciare attorno. In questo modo il mobile non risulterà troppo impattante dal punto di vista visivo e non appesantirà la vostra camera da letto.

L’alternativa al comò: il settimanale

Un’alternativa al comò è il settimanale o settimino. Al posto di sfruttare lo spazio in orizzontale, come nel caso del comò, lo spazio viene sfruttato in verticale. Il settimanale è infatti un mobile a colonna, caratterizzato dall’avere più cassetti rispetto al comò e una larghezza ridotta. Infatti la larghezza si aggira attorno ai 70 cm e l’altezza si aggira attorno ai 130 cm. Anche in questo caso la profondità da preferire è sempre sui 50 cm. Il nome settimanale deriva dal numero di cassetti che aveva originariamente: sette cassetti, uno per ogni giorno della settimana. Le versioni moderne sono leggermente diverse perché hanno di solito cinque o sei cassetti.

Le dimensioni del comodino

Scegliere il giusto comodinoUn tempo i comodini avevano dimensioni importante, caratterizzati di solito dalla presenza di un cassetto e di un’anta sotto. La funzione contenitiva era quindi molto importante. Ora il comodino è considerato più come un piano d’appoggio che come un vero e proprio spazio contenitivo. Ecco allora che le sue dimensioni si sono fatte più contenute e le linee più minimaliste. A seconda dello spazio a disposizione esistono davvero molte soluzioni: per chi possiede davvero pochissimo spazio si può utilizzare anche solo una mensola o un comodino sospeso con un piccolo cassettino. Se le dimensioni della stanza lo permette possono essere utilizzati i classici comodini che hanno un’altezza che arriva fino ai 60 cm e una larghezza sui 50 cm. Se la stanza è in stile contemporaneo si può invece optare per comodini più bassi e dallo stile più minimalista. Insomma la scelta è davvero ampia.

La scelta del materiale del gruppo notte

I materiali normalmente utilizzati per realizzare comò e comodini sono principalmente due: il legno e il laminato. Il legno è il materiale classico per eccellenza che è stato negli ultimi anni riscoperto e reinterpretato con linee più moderne. La scelta del legno come materiale è una scelta che oltre a coniugare la presenza estetica offre anche vantaggi in termini di regolazione dell’umidità nell’ambiente. Infatti, il legno assorbe l’umidità in eccesso presente nell’ambiente e la rilascia quando l’aria risulta troppo secca.

Settimino in legnoInoltre il legno è un materiale davvero duttile, che a seconda del design e della finitura scelta può adattarsi bene a diversi ambienti. Il legno è sinonimo di arredamento classico, ma se lavorato con linee più semplici e pulite e verniciato con tinte chiare si avvicina allo stile contemporaneo e nordico. Scandola Mobili propone a catalogo diversi modelli di comò e comodini, alcuni come quelli appartenenti alla linea Ariette, possiedono una linea più classicheggiante, mentre altri, come quelli della collezione Maestrale possiedono linee più simili allo stile nordico.

Non avete ancora scelto il vostro gruppo notte? Sfogliate il nostro catalogo completo di comò e comodini.

 


Scritto da:

Serena Designer d'interni

Serena – Interior Designer

 

 

Share